TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 24 luglio 2019

Sicurezza si, ma solo armata negli Uffici Regionali di Via Modena 1/A




La vigilanza armata negli Uffici non può certamente sopperire ai disservizi e al mancato rispetto del D.lgs 81/2008

  Continuano a peggiorare le condizioni di vivibilità negli Uffici della Giunta Regionale della Calabria, siti in Via Modena 1/A di Reggio Calabria.
Premesso che lo stabile non ha mai garantito il minimo comfort indispensabile per svolgere le attività lavorative di competenza dei vari Settori regionali, essendo nato per le necessità dei Funzionari e Dirigenti della ex Cassa per il Mezzogiorno, oggi si trova a dover ospitare centinaia di dipendenti della Giunta regionale in postazioni “open space”, adattati malamente che provocano conseguenze sgradevoli o dannose per i dipendenti, costretti a lavorare in locali ricavati con pannelli di truciolato (altamente infiammabili) che non garantiscono neanche le condizioni minime indispensabili previste dal D.lgs. 81/2008.
Una situazione veramente paradossale! Un Ente pubblico che infrange le regole non è cosa di tutti i giorni, ma soprattutto quello che fa scalpore è il comportamento passivo di chi è pagato per vigilare sul rispetto delle Leggi e non lo fa, sotto gli occhi noncuranti dell’Ente regionale. Ma bisogna anche dire per “par condicio” che neanche i Rappresentanti Sindacali hanno a cuore la sicurezza e il benessere dei lavoratori. Prova ne sia che da circa venti giorni l’unico ascensore installato nello stabile non funziona e non si hanno notizie di quando verrà riparato, costringendo i dipendenti e gli utenti a recarsi ai piani utilizzando le scale. E se questo potrebbe andare bene per chi deve recarsi al primo piano e gode di ottima salute, non si può dire lo stesso per chi deve salire al quarto piano ed è affetto da patologie anche gravi.
Fino a quando durerà questo stato di cose? Quando INAIL, SPISAL e ISPETTORATO DEL LAVORO si decideranno a fare una visita ispettiva per constatare il livello di insicurezza e i rischi a cui sono quotidianamente esposti i lavoratori?
La situazione dal punto di vista della sicurezza sul posto di lavoro negli Uffici di Via Modena 1/A non è proprio delle migliori, ed è forse per questo che l’Ente regione ha pensato bene di istituire da qualche giorno il servizio di vigilanza armata. Adesso certamente non si può dire che manca la sicurezza!!

Nessun commento :

Posta un commento

Per ogni commento pubblicato, l'autore dello stesso commento si assume tutte le responsabilità civili e penali, nei confronti di terzi eventualmente offesi o danneggiati.