TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

sabato 5 gennaio 2019

DECRETO SICUREZZA: PER IL MAP L’ AMMUTINAMENTO DEI SINDACI DEL PD E’ SOLO UNA RIPICCA VIGLIACCA CHE POTREBBERO PAGARE CON LO SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO.

  


Il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, come sempre si attacca alla cordata sbagliata
  
   Non poteva che venire soltanto dagli sconfitti, l’annunciata disobbedienza dei primi cittadini all’applicazione delle disposizioni previste dal Decreto Sicurezza. L’annunciata rivolta di Leoluca Orlando sindaco di Palermo ha fatto da apripista per il sindaco di Napoli Luigi De Mgistris; Dario Nardella sindaco di Firenze; Marco Alessandrini sindaco di Pescara e ovviamente, trattandosi di una rivolta contro il Ministro Matteo Salvini, non poteva mancare il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il quale, in una intervista dichiara: "Come sindaci avevamo rilevato queste problematiche fin da ottobre e non c'è stata alcuna concertazione e condivisione. Nella nostra città mai applicheremo norme che vanno contro i principi costituzionali e di accoglienza. A questo punto auspichiamo che il Viminale voglia incontrare l'Anci".
Paradossalmente Falcomatà - dice il Coordinatore del MAP Pietro Marcianò - si dichiara preoccupato per la sorte dei migranti irregolari, tralasciando di preoccuparsi per le sorti della Città e dei reggini, che, attualmente stanno vivendo il peggior periodo della storia. Probabilmente vuole accaparrarsi le simpatie dei “buonisti”, sperando di poter contare su qualche manciata di voti in più per le prossime elezioni amministrative, in modo tale da evitare il ballottaggio. In ogni caso, i Sindaci ribelli, stanno giocando con il fuoco. Secondo la vigente normativa, per il compimento di atti contrari alla Costituzione o per gravi e persistenti violazioni di legge, nonché per gravi motivi di ordine pubblico, ipotesi quest’ultima che, concernendo la tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico, competenza degli organi dello Stato, l’ammutinamento si paga con lo scioglimento del Consiglio Comunale e con l’impossibilità di ricandidatura per il Sindaco esautorato.
Reggio Calabria - continua il Coordinatore del MAP Pietro Marcianò - in questo periodo si trova al centro di un vortice di disservizi che stanno rendendo giorno dopo giorno sempre più invivibile la Città. Non sfugge più a nessuno lo stato d’indecenza e di lerciume provocato dal conferimento dei rifiuti “porta a porta” e le pessime condizioni della viabilità, più volte teatro d’incidenti anche mortali. Ci mancava soltanto uno scioglimento del Consiglio Comunale per completare l’opera!!  Egregio Signor Sindaco Falcomatà, almeno per questi ultimi mesi di mandato che le rimangono, pensi con più serietà prima ai bisogni dei reggini!!  
   

Nessun commento :

Posta un commento

Per ogni commento pubblicato, l'autore dello stesso commento si assume tutte le responsabilità civili e penali, nei confronti di terzi eventualmente offesi o danneggiati.