TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 19 settembre 2018

Reggio Calabria: Pietro Marra (M.A.P.); un plauso al personale della Polizia di Stato per l'impegno sul territorio


  

Gli immigrati africani hanno superato il limite della tolleranza.

  Non siamo una città a rischio rispetto il Nord Italia, in quanto, anche Striscia la Notizia aveva messo in onda mesi fà le immagini dell'attacco alle Forze dell'ordine, compresi i militari dell’Esercito in servizio presso la Stazione Centrale di Milano, dove lo spaccio di droga era diventato da parte di extra comunitari e “clandestini” una normale attività di lavoro.  
 Quello che è successo domenica scorsa nella nostra città, cioè, il comportamento aggressivo e vandalico da parte di questi “immigrati” ai danni del locale stagionale reggino,  avrebbe potuto causare “vittime”. Il problema non è da sottovalutare, perché, questi atteggiamenti pericolosi, a mio avviso stanno prendendo la piega della normalità su tutto il territorio Nazionale, come le TV e i social spesso ci informano.
 I responsabili sono i partiti politici che in questi anni hanno permesso un'immigrazione selvaggia, incontrollata e irregolare. Facendo entrare nel territorio nazionale “individui” pericolosi, addirittura evasi dalle carceri in cui erano reclusi per crimini gravi.
  Troppo spesso, le forze dell'ordine sono chiamate a intervenire, mettendo a rischio la propria incolumità, trovandosi ad affrontare fisicamente gente che non scappa da guerre e fame ma dalla giustizia del proprio Paese. Gente pericolosa, che, come si è ormai capito, sbarca in Italia grazie ad un business ideato dalla “malavita organizzata”, collegato anche al  traffico di essere umani.
  Da parte del Direttivo del MAP va  a tutto il personale della Polizia di Stato e al Ministro dell' Interno Matteo Salvini un plauso, per l’efficiente attività svolta, seppur con grandi difficoltà,  ingerenze e  ostracismi extraterritoriali.